giovedì 23 settembre 2021

Le colonne d'Ercole

0 COMMENTA LA NOTIZIA

In questo caso, più che di colonne, si tratta dei getti di materia prodotti dal Buco Nero supermassivo che si trova al centro di Hercules A, una galassia con nucleo attivo (AGN) che si trova nella costellazione di Ercole a circa 2 miliardi di anni luce di distanza.   


Il sistema interferometrico LOFAR (Facebook  27/02/2021), con una risoluzione di 300 mas (millesimi di secondo di arco),  che alle frequenze di un centinaio di Mhz  (quelle della radio FM) è veramente eccezionale, ha prodotto questa bella immagine.  


La galassia è il batuffolo al centro e le zone più luminose di questi lobi sono estese circa quanto la nostra Via Lattea !   

martedì 7 settembre 2021

Bianche da record.

0 COMMENTA LA NOTIZIA

Ma non si tratta di eccezionali piste sciistiche o sfavillanti magliette lavate con detersivo XYZ, ma ovviamente di oggetti astrali e specificatamente di Nane Bianche.

Scoperta nel 2014, la compagna di PSR J2222-0137, una pulsar distante 900 anni luce nella costellazione dell'Acquario, è la Nana Bianca più fredda conosciuta : 2700 °C sono veramente pochi anche alla veneranda età di 11 miliardi di anni.   

Più recentemente invece (2021) è stata individuata Ztf J1901+1458.  
Si trova a 130 anni luce di distanza nella costellazione dell’Aquila, ha un diametro di circa 4300 Km (un quarto più della Luna) ed una massa di 1,35 volte quella del Sole (per poco che ingrassi collassa in una Stella di Neutroni !).

E per finire EPIC 228939929 scoperta nel 2020 è la Nana col periodo di rotazione più breve conosciuta : 317 secondi (5,3 minuti) per un giro da trottola !!!

Oggetti certamente da record .... che aspettano solo di essere battuti !

Nelle immagini (artistiche) la compagna fredda e quella piccola paragonata alla Luna.

Buona giornata

 

Flavius

lunedì 6 settembre 2021

E luce fu !

0 COMMENTA LA NOTIZIA

Negli ultimi decenni i dispositivi luminosi sono notevolmente migliorati in quanto a efficienza, durata, sicurezza e praticità.  

 

Dalle candele e lampade ad olio/petrolio si è passati a quelle a gas, alle elettriche a filamento e fluorescenti (scarica nel gas Hg, Na ...) ed infine a semiconduttore (LED).   

 

La conseguenza è stata un graduale e notevole aumento della luminosità media di tutto il pianeta e del relativo "Inquinamento Luminoso" (molto sgradito da chi ama osservare le meraviglie del cielo).   

 

L'immagine mostra la luminosità del nostro paese con l'indicazione dell'osservatorio di Monteromano (stellina cerchiata in verde).



lunedì 30 agosto 2021

Macchie e ponti

0 COMMENTA LA NOTIZIA

 Come già postato in precedenza, il nostro Sole si è risvegliato e non di rado ci gratifica di qualche bella eruzione e/o gruppetto di macchie.

Queste ultime si presentano al telescopio (si usa uno strumento dedicato o quantomeno uno dotato di appositi filtri sull'obiettivo.  Non osservare il sole con un normale cannocchiale/binocolo pena la cecità permanente !) come delle zone più scure sulla superficie solare.

Vengono prodotte quando un tubo di flusso magnetico fuoriesce dalla superficie (e rientra poco distante) bloccando l'attività convettiva in quei punti e riducendone la temperatura di 1000-2000 gradi.

Le macchie costituiscono anche delle leggere depressioni e quando decadono, possono formarsi in poche ore dei ponti di materia a temperatura "normale" che collegano i bordi delle stesse (ponti di luce). 

L'immagine è stata ripresa dallo Swedish Solar Vacuum Telescope dotato di ottiche adattive che compensano in tempo reale le distorsioni prodotte dalla turbolenza dell'atmosfera terrestre.

Per dare l'idea delle dimensioni della macchiolina, la lunghezza dei due ponticelli è di circa 5000 Km !

Buona settimana.

Flavius

Il cielo del mese: settembre 2021

0 COMMENTA LA NOTIZIA

 

Diamo uno sguardo ai principali eventi astronomici del mese di settembre 2021!

 
Il Sole 
il Sole, fotografato da Michele Brusa
 
01 settembre: sorge alle 06:37
transita alle 13:13
tramonta alle 19:49
durata del giorno 13 ore e 12 minuti
distanza dalla Terra alle 12:00: 1.009119482 U.A.
 
15 settembre: sorge alle 06:53
transita alle 13:08
tramonta alle 19:24
durata del giorno 12 ore e 31 minuti
distanza dalla Terra alle 12:00: 1.005582229 U.A.
 
30 settembre: sorge alle 07:10
transita alle 13:03
tramonta alle 18:56
durata del giorno 11 ore e 46 minuti
distanza dalla Terra alle 12:00: 1.001367708 U.A
 
 
La Luna 

La Luna, fotografata da Simone Zampilli
 
6 settembre, h 15:24 - Luna nuova
 
10 settembre, h 16:08 - Luna in prigeo (368.748,9 km)
 
13 settembre, h 11:32 - Luna al primo quarto
 
20 settembre, h 13:43 - Luna piena 
 
25 settembre, h 16:35 - Luna in apogeo (403.673,7 km)
 
28 settembre, h 14:36 - Luna all'ultimo quarto
 
I pianeti
Mercurio - Il pianeta Mercurio non sarà visibile durante il mese di settembre, perso nella luce del tramonto.
Il 14 settembre sarà nel punto di massima elongazione Est.
Il 15 del mese, a mezzogiorno, disterà dalla Terra circa 0,943 U.A. (141.070.792,07 km);
 
Venere - Venere brillerà basso nelle luci del tramonto, permanendo in cielo per breve tempo prima di tramontare anch'esso.
Il 15 del mese, a mezzogiorno, disterà dalla Terra circa 1,004 U.A. (150.196.262,183 km);
 
Terra - Il 22 settembre, alle 21:21 ora italiana, si avrà l'equinozio di autunno!
 
Marte - Il Pianeta Rosso non sarà visibile durante il mese di settembre, essendo troppo vicino al Sole per poter essere osservato.
Il 15 del mese, a mezzogiorno, disterà dalla Terra circa 2,637 U.A. (394.489.585,036 km);
 
Giove - Il Gigante gassoso del Sistema Solare potrà essere scorto facilmente in cielo appena dopo il tramonto, basso nella partre opposta del cielo, costituendo protagonista assoluto della intera notte.
Il 15 del mese, a mezzogiorno, disterà dalla Terra circa 4,113 U.A. (615.296.042,189 km);
 
Saturno - Il Signore degli Anelli giocherà il ruolo di "co-protagonista" del cielo, assieme a Giove, durante il mese di settembre, visto che sarà ben osservabile per pressoché tutta la notte!
Il 15 del mese, a mezzogiorno, disterà dalla Terra circa 9,21 U.A. (1.377.796.389,147 km);
 
Urano - Urano è in ottime condizioni di visibilità, continuando ad essere osservabile al telescopio durante quasi tutta la notte, dando il meglio di sé nella seconda parte della stessa.
Il 15 del mese, a mezzogiorno, disterà dalla Terra circa 19,099 U.A. (2.857.169.732,499 km);
 
Nettuno - Il pianeta Nettuno sarà osservabile al telescopio durante tutta la notte, in condizioni di buio ottimale. Il 14 settembre sarà in opposizione.
Il 15 del mese, a mezzogiorno, disterà dalla Terra circa 28,917 U.A. (4.325.921.627,032 km).
 
Congiunzioni 
Congiunzione tra Giove (a sinistra) e Venere (a destra) del Giugno 2015. Foto di Alfredo Lolli e Matteo Reggidori.
 
  10 settembre, h 20Congiunzione Luna-Venere;


 
 17 settembre, h 21Congiunzione Luna-Giove-Saturno;


 

Sciami meteorici con picco d'intensità nel mese di settembre  

 
Ecco gli sciami meteorici attivi nel mese di settembre, divisi tra quelli che durante il mese mostrano il loro picco e quelli che pur non avendo in questo mese il picco presentano comunque una qualche attività. Per maggiori informazioni, potete consultare la apposita rubrica UAI curata della Sezione Meteore, a questo link: http://meteore.uai.it/sciami/2021/set2021.htm
 
1) Alfa Aurigidi: sciame attivo dal 24 agosto all'8 settembre, con picco il 1 settembre;
2) Theta Aurigidisciame attivo dal 24 agosto all'8 settembre, con picco il 1 settembre;
4) Eta Cetidi Sud: sciame ancora dal 20 agosto all'8 settembre, con picco il 1 settembre;
4) Eta Cetidi Nord: sciame attivo dal 14 agosto al 19 settembre, con picco il 2 settembre;
4) Epsilon Perseidi: sciame attivo dal 21 agosto al 16 settembre con picco nella notte del 6 settembre;
5) Perseidi di settembre/Delta Aurigidi di settembre/Mu Perseidi: sciame attivo dal 5 al 17 di settembre, con picco il 9;
6) Arietidi-Triangulidi/Alfa Triangulidi: sciame attivo dal 30 agosto al 15 settembre, con picco il 12 settembre;
7) Piscidi-Sud: sciame attivo dall'1 settembre al 30 ottobre, con picco il 20 settembre;
8) Kappa (GammaAcquaridi: sciame attivo dall'1 al 30 settembre, con picco il 20 settembre. 
 
  Altri sciami meteorici che hanno già raggiunto/devono ancora raggiungere la massima intensità sono costituiti da:
 
1) Cassiopeidi di agosto/Delta Cassiopeidi: (attive dal 29 luglio al 10 settembre, con picco il 10 agosto);
2) Iota Acquaridi Nord: (attive dal 19 luglio al 10 settembre, con picco il 26 agosto);
3) Pi/Epsilon Eridanidi: (attive dall'08 agosto al 09 settembre, con picco il 29 agosto);
4) Delta Aurigidi: (attive dal 18 settembre al 23 ottobre, con picco il 4 ottobre);
5) Sigma Orionidi: (attive dal 10 settembre al 26 ottobre, con picco il 5 ottobre);
6) Piscidi Nord: (attive dal 25 settembre al 15 ottobre, con picco il 13 ottobre). 
Carte del cielo del mese di settembre 
 Il cielo del 01 settembre, alle ore 23
 
Il cielo del 15 settembre, alle ore 23 

 

giovedì 26 agosto 2021

La Massa e il Peso

0 COMMENTA LA NOTIZIA
Capita a tutti di voler rallentare un po', rilassarsi, mettere da parte le cose "serie" per dedicarsi alle frivolezze. 
Anche a me ..... e perciò il post che vi propongo è banale ritrito e frivolo ! 
 
Ammesso e non concesso che un essere umano si trovi sulla "superficie"/"limite dell'atmosfera" 
(i Giganti Gassosi non hanno una vera e propria superficie solida) dei vari componenti del Sistema Solare e si esibisca in un bel salto in alto, i risultati sarebbero quelli riportati nell'immagine. 
     
Sulla Terra la persona, avente una MASSA di 70 Kg, PESA 70 Kg e salta 1 m (sono io dopo intenso allenamento).

 Per sentirmi un vero olimpionico ho riportato di seguito anche i dati relativi ai Pianeti Nani. 

         Cerere - Plutone - Haumea - Makemake - Eris 
Peso (Kg)  2      4,5       2,7       3         4,2 
Salto (m)  35     15        25        22        16 

Flavius

martedì 24 agosto 2021

Shakespeare e l'astronomia

0 COMMENTA LA NOTIZIA
Dal 1919, l'Unione Astronomica Internazionale ha il compito di stabilire una nomenclatura 
convenzionale per i pianeti, i satelliti e i particolari delle loro superfici

Per il sistema di satelliti di Urano sono stati scelti nomi di personaggi di opere di Shakespeare ed Alexander Pope

Così le 5 lune principali del gigante gassoso sono state chiamate Miranda, Ariel, Umbriel, Titania e Oberon e Amleto è un enorme cratere (206 Km di diametro) sulla superficie di quest'ultimo.
 
L'immagine mostra la luna Oberon (1520 Km di diametro) con  il cratere Amleto (in centro a destra) in una elaborazione dei dati della sonda 
Voyager 2 (1986)

 Flavius