martedì 4 marzo 2008

Meteora (bolide) molto luminosa osservata il 1° marzo 2008

Il tuo giudizio : 
Abbiamo ricevuto molte segnalazioni tramite Antares Notizie relative all'avvistamento di una meteora di grande luminosità (bolide) apparsa sul cielo del Nord Italia la sera del 1° Marzo 2008 verso le 23.45 (TL : Tempo Locale). L'evento si sta dimostrando particolarmente interessante in quanto il numero di testimonianze aumenta con il passare delle ore.

Trattandosi della serata di Sabato e di un orario in cui molte persone erano intente a rientrare verso casa o trasferirsi verso locali di vario genere, è plausibile ipotizzare che, data anche la evidente intensità del fenomeno, si potranno raccogliere ulteriori elementi utili a documentare l'osservazione.

Il nostro gruppo astrofili partecipa da molti anni e sostiene attivamente ITASN (ITAlian Superbolide Network), essendone anche tra i promotori.

Attraverso questo circuito di segnalazioni che sfrutta la rete internet e le cosiddette "mailing list " sono state raccolte numerose osservazioni visuali del bolide molto luminoso (Mv=-17).

Osservato alle 22:45 TU (Tempo Universale) del 1 marzo 2008, il superbolide, di colore verde-blu con scia persistente bianca e filamentosa, è stato osservato dall'Italia settentrionale, Svizzera, Francia sud-orientale e Germania meridionale.

La traiettoria è stata percorsa da sud-est verso nord-ovest, passando vicino allo zenit della città di Milano.

L'azimut della traiettoria provvisoria risulta di circa 140° (misurato da nord verso est), mentre l'inclinazione è sui 50°.

Dai dati ricostruiti tramite le testimonianze finora registrate, il punto di "impatto geometrico" si colloca alla lat.+46° N, long. +9° E, vicino a Lugano, in territorio svizzero (elaborazione dati a cura di Albino Carbognani, ricercatore del dipartimento di Fisica dell'Università di Parma).

Il bolide ha presentato alcuni intensi "flare" prima dell'estinzione e alcuni testimoni hanno udito suoni di origine elettrofonica.

La quota di fine osservazione del fenomeno luminoso si aggira sui 30 km dal suolo e il radiante apparente del bolide, cioè il punto della sfera celeste da cui è venuto, si colloca nella costellazione del Leone, vicino a Denebola (mag +2.14), in AR 11h 40m, Dec +12°.

Sempre ragionando sui dati preliminari, ipotizzando una ragionevole velocità geocentrica di 15-20 km/s, si può indicare che l'oggetto osservato avesse un' orbita eliocentrica con perielio a 0.6 UA e afelio a 1.4 UA, giacente sull'eclittica. Questi valori non cambiano in modo sensibile se si cambia l'inclinazione della traiettoria del bolide, che costituisce il valore più incerto con le sole osservazioni visuali disponibili.

Abbiamo dedicato questa news all'evento al fine di consentire la massima divulgazione delle informazioni disponibili e offrire uno spazio ulteriore (i "commenti" a questa notizia) ove permettere a eventuali altri testimoni di contribuire alla raccolta dei dati.

Alleghiamo anche la ricostruzione eseguita da un astrofilo che fortunatamente era proprio intento ad osservare il cielo e che ha potuto contribuire quindi in modo preciso e significativo indicando preziosi punti di riferimento sulla volta celeste, esattamente come sarebbe sempre auspicabile poter avere in ogni occasione di questo genere!

Ricostruzione della traiettoria del bolide fatto da Roberto Maccagnola mentre osservava dal monte Ebro (provincia di Alessandria). Roberto ha udito suoni elettrofonici.

Ai piedi di questa news troverete lo spazio dedicato ai vostri commenti. Utilizzatelo liberamente per lasciare anche le vostre eventuali testimonianze!


Altri spazi sui quali si stanno raccogliendo le testimonianze :

Alert_IT20080301

un-bolide-da-record

meteore.uai.it
dal sito UAI proviene anche la bellissima ripresa video presente in testata di questa news realizzata da Maurizio Eltri (Venezia Lido, VE) relativa ad un bolide apparso nella notte del 06/07 agosto 2007 sopra il Veneto centrale.



8 commenti:

Andrea ha detto...

Ho visto il bolide chiaramente davanti a me. Ero in auto e viaggiavo da Pinerolo verso Torino. Improvvisamente ho visto illuminarsi tutto ed immediatamente durante la guida ho guardato alla mia sinistra dove ho visto nel cielo la cosa rossa in movimento con intorno un alone verde. Subito ho pensato a fuochi artificiali ma non ripetendosi ho immaginato un meteorite, anche tenendo conto della grande luminosità. L’entità di questa è stata tale che mi ha lasciato un po’ di preoccupazione addosso. Il colore verde mi ha fatto pensare che potesse trattarsi di un frammento metallico del satellite distrutto dagli Stati Uniti.

La direzione verso la quale guardavo era genericamente la Lombardia.

La cosa mi ha messo addosso il desiderio di sapere di più, soprattutto se l’oggetto è arrivato fino al suolo.

Anonimo ha detto...

anche io ho visto delle strane luci nel cielo che in un primo momento mi sono sembrate fuochi d'artificio, ma dopo aver letto questo sito ho controllato data e ora e risultano coincidenti al mio avvistamento..... che cosa era??

Angelo Venturelli ha detto...

Era un frammento di polvere cosmica che vagava negli spazi interni del nostro Sistema Solare ed è stato catturato dalla gravità del pianeta Terra. Nello spazio interplanetario c'è parecchia polvere persa dalle comete che di tanto in tanto vengono a visitare il Sistema Solare interno oppure materiale scagliato nello spazio da impatti meteorici sulla superficie di oggetti celesti a bassa gravità come la vicina Luna o Marte. Si tratta in genere di granelli piuttosto piccoli, per dare un'idea, come lo zucchero da cucina. Questi sono responsabili delle piogge meteoriche più famose come le Perseidi (più note come "Lacrime di San Lorenzo") o le Leonidi. Talvolta il granulo di polvere è più grande, diciamo come il sale grosso da cucina o poco più, e penetra negli strati più bassi dell'atmosfera (30-50 km), resistendo più a lungo alle elevate temperature che si producono per attrito con l'atmosfera stessa. Queste meteoriti raggiungono luminosità elevate, si dice che raggiungono magnitudini negative, e vengono denominati bolidi, dal greco βολις, bolis, ovvero proiettile.

valeishappy ha detto...

Anche io ho avvistato il bolide viaggiavo nella strada gasparona nuova da Bassano del Grappa (VI) verso Marostica (VI), confermo l'orario, di avvistamento, viaggiava da sinistra verso destra, molto visibile, confermo il colore verde.

Luca75 ha detto...

Sono Luca della provincia di Cuneo e sabato 01 marzo all'ora indicata io e la mia ragazza abbiamo visto chiaramente la scia luminosa mentre viaggiavamo in auto in direzione ovest-est. Una luce verdastra che scendeva velocemente verso nord con inclinazione quasi verticale. L'hanno vista anche altri nostri amici. Emozionante.

Anonimo ha detto...

Mentre ero in macchina col mio fidanzato in Val Trebbia, provincia di Piacenza, attorno alle 23.45 il cielo improvvisamente si è illuminato di bianco e abbiamo visto una scia luminosa di colore arancione e verde cadere dal cielo..Abbiamo pensato a fuochi d'artificio e a un razzo sos però è caduto dal cielo, non è partito dalla terra..
Inoltre anche mio padre, comodamente seduto in casa davanti la tv, a un certo punto ha visto il cielo fuori dalla finestra illuminarsi di bianco..

Anonimo ha detto...

Curioso di saperne di più in merito all'oggetto visto, alla sua entità, al rumore ascoltato, ho ricercato con google se c'erano altri che come me l'avevano visto. Io mi trovavo a Sud di Treviso e procedevo verso Nord-Ovest. Il Bolide mi è passato sul lato sx nella mia stessa direzione. Ha perso "pezzi" nella caduta in quanto la mole non era indifferente. Ha fatto anche parecchio rumore. L'ultima volta che ho visto e sentito una cosa simile ma di minore entità erano mi pare tre anni fa.

Anonimo ha detto...

Anch'io ho visto una meteora bolide molto più luminosa di quelle che si vede nel filmato che ha solcato il cielo all'inizio con una scia non molto grande poi più grande cambiando il colore delle scia da giallo a verde un colore continuo non intermittente per poi svanire nel nulla la mia zona è nella provincia di Bari (Puglia) in particolare Alberobello, l'avvistamento è avvenuto giovedì 13 marzo alle ore 19:30 circa