giovedì 1 gennaio 2009

Eventi del mese - Gennaio 2009

Il tuo giudizio : 
Questi i principali eventi astronomici del mese di gennaio 2009.


Luna
4 gennaio: primo quarto di Luna (ore 12e56 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 379.708 km
Dimensione apparente della Luna: 31'52"
11 gennaio: Luna piena (ore 04e26 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 354.199 km
Dimensione apparente della Luna: 33'58"
18 gennaio: ultimo quarto di Luna (ore 45 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 391.218 km
Dimensione apparente della Luna: 30'34"
26 gennaio: Luna nuova (ore 08e54 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 400.953 km


Pioggie meteoriche
2-3 gennaio: Quadrantidi (vedere: http://it.wikipedia.org/wiki/Quadrantidi)
Corpo progenitore: l'asteroide 2003 EH1, che forse corrisponde alla cometa C/1490 Y1
Date attive: dall' 1 al 5 gennaio
Frequenza massima: 31-45 meteore/ora
Illuminazione lunare: dal 32% del 2 gennaio al 43% del 3 gennaio, non fastidiosa perché tramonta quando il radiante, identificabile nella costellazione di Boote, sorge


Pianeti
Mercurio
, allontanatosi dal Sole per tutto il mese di dicembre, raggiunge il 4 gennaio la massima elongazione est, brillando di magnitudine -0,54 ad appena 20° dalla nostra stella. Purtroppo, essendo l'eclittica molto bassa nel periodo invernale, ritarda un'ora appena il tramonto del Sole, per cui sarà difficile scovarlo in un cielo piuttosto chiaro. Il 20 gennaio si verrà a trovare in congiunzione inferiore, quindi ripasserà alla destra del Sole, da cui si allontanerà rapidamente divenendo "stella del mattino" verso est.
Venere sarà l'astro per eccellenza della della sera, al tramonto del Sole. Il 14 gennaio si troverà alla massima elongazione est, dove splenderà con magnitudine -4,42 a ben 47° dalla nostra stella. Facile da osservare.
Marte è praticamente inosservabile, essendo ancora molto vicino al Sole, da cui si sta allontanando lentamente. A fine mese tramonta un'ora prima del Sole, per cui dal mese di febbraio sarà visibile ad est poco prima dell'alba.
Giove continuerà ad avvicinarsi angolarmente sempre più al Sole; il 24 gennaio si troverà in congiunzione, cioè dietro al Sole.
Saturno compare sempre prima verso est, sotto la coda del Leone, ed è quindi osservabile per tutta la seconda parte della notte. A fine mese sorge poco dopo le 21, per cui diventerà nella seconda parte dell'inverno l'astro più interessante.
Urano sarà ancora osservabile nelle prime ore di buio, nella parte orientale dell'Acquario con magnitudine +5,9; Nettuno, invece, sarà sempre più vicino al Sole che a fine mese si verrà a trovare nella costellazione del Capricorno, e risulterà praticamente inosservabile.


Eclissi
26 gennaio: eclisse anulare di Sole, non visibile alle nostre latitudini.
Come si può vedere nell'immagine allegata (http://eclipse.gsfc.nasa.gov/OH/OHfigures/OH2009-Fig01.pdf), l'ombra muove dalla parte meridionale dell'Oceano Atlantico per attraversare tutto l'Oceano Indiano; l'evento centrale avviene alle ore 7e58 Tempo Universale e l'anularità dura ben 7 minuti e 54 secondi!


Altri fenomeni
4 gennaio: Terra al perielio (ore 15e32 tempo locale)
Il nostro pianeta si viene a trovare alla minima distanza dal Sole: 147.095.453 km
5 gennaio: infilata di pianeti al tramonto del Sole (vedi immagine)
Salendo dall'orizzonte verso l'alto: Giove, Mercurio, Nettuno, Venere e Urano

7 gennaio: la Luna transita davanti alle Pleiadi; l'evento inizia attorno alle 17e15, con il cielo ancora chiaro, e termina verso le 19
14 gennaio: Luna e Saturno sorgono insieme a est, poco prima dell 22e30
21 gennaio: Antares sorge preceduto da una sottile falce lunare (fase 22%) alle ore 5e30)
29-30 gennaio: la Luna continua a giocare con Venere al calar del Sole; il 29 si trova 8° più sotto al pianeta, mentre la sera successiva si viene a trovare 4° sopra



Attività Antares
Venerdì 9 gennaio: Serantares
Liceo Scientifico di Lugo
"Serata di osservazioni al telescopio del Liceo"

(seguirà locandina)


By Daniela e Angelo

Nessun commento: