domenica 28 febbraio 2010

Spaventoso terremoto in Cile : gli osservatori ESO ?

Il tuo giudizio : 
A parte lo sgomento che comporta apprendere dell'evento di un disastroso terremoto e del carico di pene umane che si è appena cominciato a generare, non ho potuto fare a meno di pensare al prezioso patrimonio scientifico che ha dimora in quel lontano Paese e che contribuisce comunque a mantenere particolarmente attenta la comunità scientifica internazionale a tutte le vicende che si verificano in tale area.


Non sapendo dove reperire informazioni adeguatamente aggiornate e di sufficiente autorevolezza, ho pensato che la cosa migliore fosse utilizzare i canali predisposti dall'ESO e quindi ho scritto alla Dr. Paola Rebusco del MIT Kavli Institute for Astrophysics and Space Research a Cambridge (Stati Uniti) così come indicato istituzionalmente sul sito dell'European Southern Observatory.

Ringrazio pubblicamente la Dr.ssa per l'immediata risposta che ci rende partecipi in tempo reale, grazie alla rete internet, di quanto avviene nella comunità scientifica internazionale e che vi riporto fedelmente per ulteriore e maggior condivisione :

================================
MSG EMAIL del 27 febbraio 2010 20.48
oggetto Re: Notizie sugli osservatori ESO a seguito del terremoto
FROM : Dr. Paola Rebusco - ESO Science Outreach Network


Buongiorno!
Grazie per l'email.
Al Paranal va tutto bene, ma non riusciamo a connetterci con il sito di La Silla e San Pedro de Atacama.
Appena avremo notizie aggiornate le metteremo sul sito internet www.eso.org.

Cordiali saluti,

Paola
================================

Questa la situazione, cari amici. Restiamo quindi in attesa di ulteriori notizie.

R.Baldini
ANTARES NOTIZIE

1 commento:

Luigi Foschini ha detto...

Aggiungo, che proprio in questi giorni si tiene alle Hawaii il meeting della High-Energy Astrophysics Division (HEAD) dell'American Astronomical Society (AAS). Le Hawaii sono state interessate dalle onde di tsunami in seguito al terremoto cileno e dato che ci sono diversi colleghi nelle isole mi sono rassicurato della loro salute. Stanno tutti bene: mi hanno detto che li hanno fatti evacuare sulle montagne, ma in serata erano già tornati in albergo. Sembra che sia passato tutto senza danni significativi.