mercoledì 2 aprile 2014

Flare solare interrompe i segnali radio

Il tuo giudizio : 
FLARE SOLARE interrompe SEGNALI RADIO: Sabato 29 marzo, l'arco magnetico delle macchie solari AR2017 è esploso, producendo un breve ma intenso brillamento solare di classe X1. Un impulso di radiazione UV estrema è partito inviando ondate di ionizzazione che ondeggiando attraverso l'atmosfera superiore della Terra hanno disturbato la normale propagazione delle trasmissioni radiofoniche terrestri. L' Ingegnere Radio Stan Nelson di Roswell, Nuovo Messico, stava monitorando WWV a 20 MHz quando il segnale ha traballato per poi sparire del tutto per alcuni minuti:

"Lo spostamento Doppler del segnale WWV (l' 'oscillazione' poco prima del blackout) era quasi 12 Hz, il massimo che abbia mai visto", dice Nelson.

Il flare ha oscurato non solo i segnali radio, ma anche prodotto alcuni segnali radio propri. L'esplosione al di sopra delle macchie solari AR2017 ha inviato onde d'urto che hanno corso attraverso l'atmosfera del Sole a velocità alte. Si considera che possano aver raggiunto 4.800 km / s (11.000 mila miglia all'ora). Emissioni radio indotte da tali shock hanno attraversato i 93.000 milioni di miglia che separano la Terra dal Sole, causando interferenze a ricevitori radio ad onde corte. Ecco la traccia audio rilevata da Nelson utilizzando un ricevitore RadioJove 20.1 MHz. Altrove, le forti raffiche sono state registrate a frequenze alte ovvero 2800 MHz. E 'stato un evento che ha coperto una banda molto ampia.

Il Solar Dynamics Observatory della NASA ha registrato un bel film del flare :

Il flash che avete appena visto era la radiazione UV estrema, il tipo di radiazione che ionizza gli strati superiori della nostra atmosfera. In questo caso, l'azione ionizzante del riflesso ha portato ad un evento magnetico raro (MAGNETIC CROCHET), misurato 17 nT dal magnetometro di Boulder, in Colorado.

Un crochet magnetico è un'increspatura nel campo magnetico terrestre causata da correnti elettriche che scorrono in aria da 60 chilometri a 100 chilometri sopra le nostre teste. A differenza dei disturbi geomagnetici che arrivano con i CME giorni dopo una fiammata, questo fenomeno si verifica mentre il flare è in corso. Essi tendono a verificarsi durante veloci esplosioni impulsive come questa.

Il campo magnetico della macchia solare AR2017 sta ridimensionandosi ora, ma rappresenta ancora una potenziale fonte di altre eruzioni.

Nessun commento: