martedì 24 gennaio 2012

Il tuo giudizio : 
TEMPESTA DI RADIAZIONI IN CORSO: Il flusso di protoni solari diretto verso la Terra è notevolmente aumentato da questa mattina a causa di un ulteriore brillamento solare di classe M9.
Sulla scala NOAA delle tempeste di radiazioni, questa raggiunge il livello S3.
Questo significa che potrebbe, ad esempio, causare isolati riavvii dei computer di bordo di satelliti in orbita attorno alla Terra satelliti e interferire con le comunicazioni radio polari.
Un esempio di effetti sui satelliti: la "neve" in questo filmato del coronografo SOHO è causata da protoni che colpiscono la telecamera a bordo dell'osservatorio.


AGGIORNAMENTO SU X FLARE E CME :
ieri mattina, 23 gennaio intorno alle 03:59 UT, la grande macchia solare 1402 è esplosa producendo un brillamento di lunga durata classificato di classe M9. L'esplosione M9 si colloca sulla soglia degli X-flare, ovvero il tipo più potente. Il NASA Solar Dynamics Observatory ha catturato un flare nell'estremo ultravioletto :


Il Solar and Heliospheric Observatory (SOHO) e la sonda NASA STEREO-B hanno rilevato una nuova espulsione di massa coronale (CME) in rapida emersione dal punto dell'esplosione: filmato.
Gli analisti presso il Laboratorio di meteorologia spaziale Goddard affermano che il CME raggiungerà la Terra il 24 gennaio alle 14:18 UT (+ / - 7 ore). La loro previsione animata dimostra che anche Marte è sulla linea di fuoco e che il CME colpirà il pianeta rosso nelle ultime ore del 25 gennaio.

Questo CME è relativamente veloce e corposo viaggiando a circa 2200 km/s. I satelliti in posizione geosincrona, in orbite polari e altri che transitano in orbite che attraversano le regioni dell'anello di correnti aurolali della Terra potrebbero risentire dell'arrivo della nube. Inoltre, forti tempeste geomagnetiche sono possibili, e gli osservatori presenti ad alta latitudine sono allertati per aurore.

IMPATTO DEL 22 ECM: Per chi non è aggiornato, ricordiamo che una espulsione di massa coronale (CME) ha colpito il campo magnetico terrestre il 22 gennaio alle 06:17 UT. Secondo gli analisti del "Goddard", il CME ha compresso fortemente il campo magnetico della Terra ed esposto brevemente i satelliti in orbita geostazionaria al plasma del vento solare. Per le prossime 24 ore, il campo magnetico terrestre riverbererà l'impatto, agitando luminose aurore intorno al Circolo Polare Artico. Bjørn Jørgensen ha osservato dal vivo lo spettacolo mostrato nell'immagine qui a fianco, da Tromsø, Norvegia.
"E 'stato incredibile", dice. "E 'stata un'esperienza meravigliosa vedere queste splendide aurore."

Le previsioni NOAA stimano dal 10% al 25% le possibilità di continuare ad osservare tempeste geomagnetiche. Le probabilità aumenteranno di nuovo verso il 24-25 gennaio non appena la nuova CME (M9) si avvicinerà alla Terra.

Nessun commento: