mercoledì 1 maggio 2013

Eventi astronomici del mese - Maggio 2013

Il tuo giudizio : 

Questi i principali eventi astronomici del mese di maggio 2013.
Luna
2 maggio: ultimo quarto di Luna (ore 13e17 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 375˙114 km
10 maggio: Luna nuova (ore 02e30 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 403˙905 km
18 maggio: primo quarto di Luna (ore 06e38 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 398˙449 km
25 maggio: Luna piena (ore 06e28 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 359˙813 km
31 maggio: ultimo quarto di Luna (ore 21e01 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 384˙238 km
Piogge meteoriche
5-6 maggio: Eta Acquaridi.
Date attive: dal 24 aprile al 20 maggio. Corpo progenitore: la cometa di Halley 1/P, il cui ultimo passaggio risale al 1986. Frequenza massima: fino a 15 meteore/ora.
Lo sciame è noto per offrire spesso meteore molto lunghe e dalla scia persistente. L’attività non eccezionale e il fatto che la costellazione dell’Acquario, dove è situato il radiante, sorge verso le 4 della mattina rendono assai relativo l’interesse per questa pioggia meteorica. La sottile falce calante di Luna che stazione proprio tra le costellazioni dell’Acquario e dei Pesci, non disturba molto le osservazioni.
Pianeti
Mercurio è in congiunzione superiore con il Sole l’11 maggio ed è quindi inosservabile almeno fino alla seconda decade del mese, quando riappare, tra le luci del crepuscolo serale, verso ovest-nordovest. E’ questa una delle migliori apparizioni serali dell’anno, in quanto l’eclittica verso ovest risulta abbastanza inclinata. Il giorno 25 maggio affianca e supera Venere nella sua apparente e veloce salita verso la costellazione dei Gemelli che va a tramontare.
Venere è visibile appena dopo il tramonto del Sole fin dai primi giorni del mese, ma solo verso fine mese tramonta un’ora dopo la nostra stella.
Marte è inosservabile per l’intero mese a causa della notevole vicinanza angolare al Sole
Giove risulta ancora osservabile al tramonto verso ovest-nordovest. Durante il mese si muove lentamente tra le corna del Toro, verso la stella El Nath (la stella in comune con la costellazione di Auriga) e viene affiancato, prima, e superato, poi, sia da Mercurio che Venere. La sua luminosità è in lenta diminuzione e a fine mese tramonta un’ora prima del Sole.
Saturno è visibile per l’intera notte tra le costellazioni della Vergine e della Bilancia. Essendo appena passato all’opposizione, offre in queste sere di fine primavera le migliori condizioni di visibilità: culmina infatti nelle prime ore serali e tramonta tra le luci dell’alba.
Urano, sempre nella costellazione dei Pesci, solo a fine mese risulta osservabile, naturalmente mediante un binocolo o un piccolo telescopio, prima dell’alba verso est, dal momento che sorge almeno un paio di ore prima del Sole. Da questa parte dell’orizzonte l’inclinazione dell’eclittica non è favorevole per cui il pianeta rimane piuttosto basso.
Nettuno è osservabile nelle ultime ore della notte, verso est-sudest, tra le stelle Lambda e Theta (Ancha) della costellazione dell’Acquario. Anche per Nettuno vale il discorso fatto per Urano, anche se quest’ultimo anticipa il secondo di circa un’ora e mezza.
Altri fenomeni
11 maggio: congiunzione Luna-Venere. Una sottilissima falce lunare (fase crescente al 3%) sovrasta il brillante pianeta Venere, mentre fanno da cornice le Pleiadi, poco più verso nord-ovest, e Aldebaran, appena ad ovest. Bellissima configurazione, anche se ancora immersa nelle luci crepuscolari del tramonto per la vicinanza del Sole.
12 maggio: congiunzione Luna-Giove. Una Luna ancora molto sottile (fase crescente al 7%) va a tramontare insieme al gigante del Sistema Solare verso ovest-nordovest, .Intorno alcune delle stelle più luminose del cielo invernale, come Aldebaran, Betelgeuse, Castore, Polluce e Capella.
22 e 23 maggio: congiunzione Luna-Saturno. Una Luna quasi piena (fase crescente oltre il 90%) fa compagnia al pianeta con gli anelli, entrambe le notti, mentre si sposta dalla costellazione della Vergine alla costellazione della Bilancia.
26 maggio: congiunzione Mercurio-Venere-Giove. Tra le corna del Toro si incontrano il pianeta più piccolo del Sistema Solare e i due pianeti più luminosi: Venere e Mercurio. Bellissima configurazione, anche se un po’ bassa sull’orizzonte (vedi immagine a fianco).
Attività Antares
Venerdì 10 maggio, ore 20e45 – SerAntares
Liceo Scientifico di Lugo “G. R. Curbastro"
Conferenza: “Dal Big Bang alla civiltà”
La storia dell’Universo in quattro immagini
(Seguirà locandina)

Sabato 18 maggio, ore 21e00 - 23e30
Serata pubblica Osservatorio di Monteromano
http://www.osservatorioastronomico.info/
“La Luna e il ritorno di Saturno”
Scarica il calendario delle serate pubbliche (pdf)
By Daniela e Angelo


Nessun commento: