venerdì 8 novembre 2013

Asteroide-cometa con sei code !?

Il tuo giudizio : 
7 Novembre 2013 : Gli astronomi hanno monitorato la cintura di asteroidi presente nel nostro sistema solare con il telescopio spaziale Hubble della NASA e hanno trovato per la prima volta un asteroide con ben sei code di polveri come accade alle comete. Denominato P/2013 P5 , l'asteroide somiglia ad un irroratore a rotazione per il prato.

"Siamo stati letteralmente sbalorditi quando l'abbiamo trovato", ha detto il ricercatore David Jewitt dell'Università della California a Los Angeles . " Ancora più sorprendenti sono le sue strutture della coda che cambiano enormemente in soli 13 giorni poichè eietta grandi quantità di polveri. Anche questo ci ha colto di sorpresa . E 'difficile credere di osservare un asteroide!"

Questo insieme di immagini del NASA Hubble Space Telescope rivela una serie di sei code cometarie mai vista prima che si irradiano da un corpo inserito nella fascia degli asteroidi.

Jewitt guida un team il cui resoconto di ricerca compare online sul numero del 7 novembre dell' Astrophysical Journal Letters.

P/2013 P5 ha emesso espulsioni di polveri periodicamente per almeno cinque mesi.
Gli astronomi credono che sia possibile che la velocità di rotazione dell'asteroide sia aumentata ad un punto tale che la sua superficie abbia iniziato a... "volare". Non credono che le code siano il risultato di un impatto con un altro asteroide, perché non hanno osservato una grande quantità di polvere espellersi nel vuoto improvvisamente in unica occasione.

Gli scienziati che utilizzano il telescopio per la survey Pan-STARRS nelle Hawaii hanno annunciato la loro scoperta dell'asteroide il 27 agosto e P/2013 P5 è apparso subito come un oggetto insolitamente anomalo già nelle prime immagini. Le molteplici code sono state scoperte solo quando Hubble è stato utilizzato per fare una immagine più dettagliata il 10 settembre .

Quando Hubble ha riosservato l'asteroide il 23 settembre, il suo aspetto era completamente cambiato . Appariva come se l'intera struttura avesse oscillato su se stessa.

"Eravamo completamente allibiti", ha detto Jewitt .

Una attenta modellazione eseguita da un membro del team, Jessica Agarwal del Max Planck Institute per le ricerche sul sistema solare a Lindau, in Germania, ha dimostrato che le code potrebbero essere formate da una serie di eventi impulsivi di espulsione di polveri. Si calcola che gli eventi di espulsione si siano verificati il 15 aprile, 18 luglio, 24 luglio, 8 agosto, 26 agosto e 4 settembre. La pressione della radiazione solare avrebbe poi allungato le polveri facendole divenire code.

E' plausibile che la radiazione solare abbia potuto torcere i movimenti di P/2013 P5. Jewitt afferma che il tasso di rotazione potrebbe essere aumentato a sufficienza per far sì che la debole gravità dell'asteroide non potesse più mantenerlo compatto. Se ciò fosse avvenuto, le polveri avrebbero potuto scivolare verso l'equatore dell'asteroide, frantumarsi e cadere alla deriva nello spazio generando una coda. Finora, si tratta solo da circa 100 fino a 1000 tonnellate di polvere, ovvero una piccola frazione della massa principale di P/2013 P5.

Il nucleo dell'asteroide, che misura 1.400 metri di larghezza, è migliaia di volte più massiccio della quantità osservata di polvere espulsa .

Gli astronomi continueranno ad osservare P/2013 P5 per vedere se la polvere lascia l'asteroide dal piano equatoriale . Se lo farà, questo sarebbe una forte evidenza di una disgregazione rotazionale. L'interpretazione di Jewitt implica che la disgregazione da rotazione possa essere un fenomeno comune nella fascia degli asteroidi. Potrebbe anche essere il modo principale per il quale i piccoli asteroidi si distruggono.

"In astronomia, dove trovi qualcosa, puoi trovare molto di più", dice Jewitt . "Questo è certamente un oggetto incredibile per noi, e altrettanto certamente sarà solo il primo di molti altri futuri."

Nessun commento: